Donaci una somma o aiutaci diventando anche tu un volontario

Sostienici

Gli angeli dei nostri tempi sono tutti coloro che si interessano agli altri prima di interessarsi a se stessi.

Invia una donazione ad AVS Onlus

Sostienici donando su Paypal una qualsiasi cifra.
Ci assicureremo di utilizzarli in maniera corretta e di fornire costanti aggiornamenti degli acquisti e dei servizi offerti sui nostri social.

Agevolazioni fiscali per i donatori

Le agevolazioni fiscali per le donazioni delle aziende possono essere di diverso tipo.
Le aziende possono dedurre l’importo donato senza limite assoluto ma entro il 10% del reddito
complessivo dichiarato (senza il limite dei 70.000 euro, come precedentemente previsto). Inoltre,
sempre nel limite del 10%, nel caso in cui la deduzione superi il valore del reddito complessivo
dichiarato al netto di altre deduzioni, la parte di deduzione non goduta può essere riportata nelle
dichiarazioni successive, fino al quarto periodo d’imposta successivo (esempio, una donazione
effettuata nel 2023 può essere scontata persino fino al 2028).
Per l’azienda donatrice, l’erogazione liberale segue il principio di cassa.

Le agevolazioni fiscali per le donazioni delle persone fisiche sono di due tipologie. Le persone fisiche possono infatti scegliere se:
• detrarre l’importo (per un massimo di 30.000 euro di donazione) al 30%, oppure
• dedurre l’importo donato senza limite assoluto ma entro il 10% del reddito complessivo dichiarato.

Tra tutti gli enti, le Organizzazioni di Volontariato possono inoltre far applicare ai propri donatori una
detrazione del 35%, sempre per un massimo di 30.000 euro di donazione.

Tra detrazione e deduzione si può affermare che chi ha un reddito maggiore di 30.000 euro ha maggior convenienza a dedurre. Si consideri il fatto che sarà la persona a scegliere quando compilerà la dichiarazione dei redditi se applicare la deduzione o la detrazione: come per
le aziende, in caso di applicazione della deduzione sarà possibile per il contribuente portare alle
dichiarazioni future la parte di deduzione non goduta.

Modello 730 del 2023: la detrazione delle erogazioni liberali

Le liberalità, effettuate in favore di soggetti meritevoli, generano una detrazione o una deduzione in favore del contribuente che le ha effettuate: vediamo la detrazione

Con il termine erogazioni liberali o liberalità si intendono i versamenti a titolo gratuito
effettuate nei confronti di soggetti particolarmente meritevoli, come gli enti del terzo settore oppure istituti di ricerca o università.
Questa tipologia di spese è ben vista dal Legislatore, il quale ha deciso di
premiare il contribuente con un sistema alternativo di deduzione o
detrazione: nei limiti degli importi di spesa prestabiliti, in alcuni casi al contribuente
è data la facoltà di dedurre o detrarre dall’Irpef gli importi destinati a liberalità.
L’Agenzia delle Entrate, sul suo sito, per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi
precompilata, prevede un sistema di integrazione della voce di spesa grazie al quale
“ l’Agenzia propone la deduzione o la detrazione in base al reddito del contribuente”,
ma questi può cambiare tale destinazione con un semplice click.
Si ricorda che, al fine di usufruire delle agevolazioni fiscali, tali donazioni in denaro in favore di enti meritevoli dovrebbero essere effettuate con modalità tracciate.
Le specifiche modalità e i limiti di detraibilità di queste erogazioni variano a
seconda della natura del beneficiario.
Per quanto riguarda il modello 730, le erogazioni liberali, sia nella forma
della deduzione che della detrazione, confluiscono nel quadro E “ Oneri e spese ” .
Alla detrazione è dedicata la sezione I e i righi interessati, ai fini delle erogazioni
liberali,sono quelli che vanno da E8 a E10 , tutti denominati “ Altre spese ”, sui
quali dovrà essere indicato l’importo della spesa detraibile sostenuta e il “ Codice
spesa ” che qualifica correttamente la tipologia di detrazione.
In particolare a titolo di esempio, vediamo un esempio di casistica relativa alla
percentuale di detrazione .
Genera una detrazione del 35% la seguente liberalità, identificata dal codice:
codice 76: “ per le erogazioni liberali a favore delle organizzazioni del volontariato , per un importo complessivo in ciascun periodo d’imposta non
superiore a 30.000 euro ”.